Chiesa del Santissimo Redentore. La peste a Venezia e il genio di Palladio.pdf

Chiesa del Santissimo Redentore. La peste a Venezia e il genio di Palladio

Alessandra Bassotto,Monica Latini,Franca Lugato

Levento della peste a Venezia nel XVI sec. è lo scenario della storia di questa maestosa architettura voluta dalla Serenissima come voto per la cessazione dellepidemia. Andrea Palladio seppe tradurre la volontà del governo veneziano in un tempio dalle linee classiche e funzionale allo scopo di accogliere i fedeli - ieri e oggi - durante la festa del Redentore. Attraverso un gioco verranno fatti conoscere gli eventi che videro Venezia provata dalla peste, dalle battaglie contro i Turchi e da altri nemici ma pronta a celebrare le sue vittorie e la sua potenza. Litinerario prenderà in esame la figura del più importante architetto del Rinascimento e la sua migliore opera in campo religioso. Le opere darte allinterno della chiesa saranno la chiave di lettura per individuare la simbologia legata ai temi della peste e della redenzione che verrà decodificata attraverso unattività ludica conclusiva. Età di lettura: da 10 anni.

Compra Chiesa del Santissimo Redentore. La peste a Venezia e il genio di Palladio. SPEDIZIONE GRATUITA su ordini idonei.

3.63 MB Dimensione del file
9788896224120 ISBN
Chiesa del Santissimo Redentore. La peste a Venezia e il genio di Palladio.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.mgoffice.it o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Acquista il libro Chiesa del Santissimo Redentore. La peste a Venezia e il genio di Palladio di Franca Lugato, Alessandra Bassotto, Monica Latini in offerta; lo trovi online a prezzi scontati su La Feltrinelli.

avatar
Mattio Mazio

Le chiese > Chiesa del Santissimo Redentore Redentore è tempio tra i più celebri e venerati di Venezia e centro di una delle feste popolari più sentite (la terza domenica di luglio). Venne eretta su iniziativa del Senato della Repubblica nel 1577 a onorare un voto fatto durante la terribile pestilenza del 1575-77.

avatar
Noels Schulzzi

Palladio a Venezia. La Chiesa del Redentore non è al momento nella mia programmazione, ma ora che ho questo bel contatto sto seriamente pensando di creare un itinerario veneziano dedicato a Palladio per completare la mia offerta di visite dedicate al grande architetto. Con l'avvicinarsi di una delle feste popolari più sentite di Venezia, vi proponiamo un focus sulla storia e le opere della Basilica del Santissimo Redentore. La chiesa è il risultato di un voto fatto dal Senato della Repubblica nel settembre del 1576 in seguito a una terribile epidemia di peste che aveva colpito la città l'anno precedente (1575) e che provocò 50.000 morti.

avatar
Jason Statham

Il progetto della costruzione della Chiesa fu quindi affidato ad Andrea Palladio che nel 1577, finita la pestilenza, iniziò i lavori di costruzione. A partire da quell’anno, ogni terza domenica di luglio, viene allestito un ponte di barche lungo 330 metri che permette ai fedeli in pellegrinaggio di raggiungere, da Piazza San Marco l’Isola della Giudecca, dove appunto si trova la Chiesa.

avatar
Jessica Kolhmann

Chiesa del Santissimo Redentore: Palladio - Guarda 205 recensioni imparziali, 270 foto di viaggiatori, e fantastiche offerte per Venezia, Italia su Tripadvisor. La costruzione della Chiesa del Redentore viene affidata al Proto (l’architetto capo della Repubblica di Venezia) Andrea Palladio, che pone la prima pietra nel maggio del ’77; il 20 luglio dello stesso anno parte la processione verso la Chiesa in costruzione per festeggiare la fine della peste; tradizione, questa, portata avanti ancora oggi